COMUNICATO SETTORE DELLA RISCOSSIONE

COMUNICATO ALLE LAVORATRICI E LAVORATORI  DEL SETTORE DELLA RISCOSSIONE

In data 18, 19 e 20 luglio si sono tenute le riunioni per le fusioni societarie, rispettivamente a Roma per Equitalia Sud, a Firenze per Equitalia Centro ed a Milano per Equitalia Nord.

Nel corso di tali incontri le controparti hanno illustrato altre slides sul Modello Organizzativo Aziendale, con particolare riguardo agli organici così come previsti dallo step del primo luglio.

Come da noi evidenziato nel nostro comunicato del 27 giugno, grazie all’accordo quadro sottoscritto il 12 u.s., abbiamo garantito che i processi di mobilità interna avvengano solo su base volontaria in quanto, sono state prorogate le tutele previste dall’art.19 bis del DL 203/2005 fino al 31.12.2012 (trasferimenti solo nell’ambito provinciale). Inoltre, in questa delicata fase storica del settore, nelle more del negoziato volto all’armonizzazione dei trattamenti, sempre grazie al s.d. accordo quadro, abbiamo garantito l’ultrattività ai CIA vigenti all’atto della cessione, presso le società di provenienza.

Nel corso di queste riunioni, come UNITA’ SINDACALE, abbiamo chiesto degli approfondimenti in merito alla riallocazione del personale, ai distacchi di personale (previsti prevalentemente in Equitalia  Centro), alla possibilità di creare una graduatoria per le richieste di trasferimento, al fine di poter dare contezza al lavoratore rispetto alle proprie aspettative ed altri dati tecnici utili per valutare il quadro complessivo di ogni singola azienda, prima di verificare gli istituti di carattere organizzativo che impattano sull’operatività aziendale.

Pertanto, UNITA’ SINDACALE si riserva ulteriori considerazioni dopo un’attenta valutazione dei dati forniti e degli ulteriori dati richiesti.

Il confronto sulle fusioni riprenderà in settembre, dopo la pausa estiva.

Vi terremo tempestivamente informati.

Roma, 21 luglio 2011

                                                                                                          LA SEGRETERIA NAZIONALE