COMUNICATO STAMPA – INCONTRO CON IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO MARIO MONTI.

I lavoratori di Equitalia, esasperati dal clima di intimidazione sollevato nei loro confronti, dicono basta! Oggi l’incontro con il capo del Governo.

I lavoratori di Equitalia sono quotidianamente oggetto di intemperanze generali, aggressioni verbali, intimidazioni, minacce fino ad arrivare ad incivili atti di violenza quali le lesioni corporali.

E’ venuto il momento di farla finita con il festival di equivoci montato ad arte contro onesti lavoratori che non hanno colpa dell’attuale crisi economica, né tanto meno dell’inasprimento della pressione fiscale nel tentativo di risanare il debito pubblico dell’Italia.
In un clima come quello che stiamo vivendo negli ultimi tempi in cui la tensione è ormai alle stelle e sempre più persone cercano la soluzione ai loro problemi in gesti disperati, UNITA’ SINDACALE FALCRI SILCEA/CONFSAL ritiene davvero immorale alimentare la disinformazione e strumentalizzare l’angoscia di quanti non ce la fanno ad arrivare a fine mese, a causa della profonda recessione che ha colpito l’economia italiana. Il trascorso periodo di elezioni amministrative ha visto davvero tanti, troppi candidati che, promettendo di abolire tasse ed imposte, si sono serviti scorrettamente del nome di Equitalia nel tentativo di racimolare più voti. È il caso di ricordare a tutti che non è negli uffici di Equitalia che si decide quali tasse si devono pagare, chi le deve pagare, quanto deve pagare ed in che modo deve pagare. Negli uffici di Equitalia si trovano solo donne e uomini impegnati a fare il proprio lavoro con la dovuta diligenza e secondo le disposizioni che vengono loro impartite. Si tratta di lavoratori che sono anch’essi contribuenti e che sentono sulle loro spalle e su quelle delle loro famiglie, come l’utente che si presenta allo sportello, tutto il peso della crisi economica e dell’aumento della pressione fiscale.
UNITÀ SINDACALE FALCRI SILCEA/CONFSAL chiede che la politica si assuma le sue responsabilità e tuteli i lavoratori, che il Governo dimostri con atti concreti la sensibilità ai problemi di salute e sicurezza sul luogo di lavoro dei dipendenti di Equitalia, problemi dettati da scelte che la politica stessa ha operato e che, in qualunque momento, può modificare.
UNITÀ SINDACALE FALCRI SILCEA/CONFSAL ha già avviato anche un percorso legale per rivendicare la dignità lavorativa delle donne e degli uomini di Equitalia, e conseguentemente delle loro famiglie, che troppo spesso ultimamente taluni si prendono la libertà di offendere.
UNITÀ SINDACALE FALCRI SILCEA/CONFSAL avrà modo di rappresentare tutte queste problematiche al Presidente del Consiglio Mario Monti nell’incontro che si svolgerà nella giornata odierna alle ore 9, presso l’Agenzia delle Entrate, con tutte le organizzazioni sindacali e i vertici di Equitalia.

La Segreteria Nazionale