31 ottobre 2013 – Sciopero Nazionale della Categoria

COMUNICATO DELLA SEGRETERIA NAZIONALE DI UNISIN

L’Associazione Bancaria Italiana, nonostante la forte presa di posizione di tutte le Organizzazioni Sindacali, ha deciso di proseguire sulla strada della inaccettabile conflittualità, intrapresa con la disdetta anticipata ed unilaterale del Contratto Nazionale di Lavoro.

Tale arroganza è rimasta impassibile anche di fronte alle critiche che ABI ha ricevuto dal mondo politico, dalle Associazioni dei Consumatori, dalla stampa specializzata e persino dal suo interno, come si evince dalle indiscrezioni riportate da alcuni media.
Questo atteggiamento di parte datoriale si pone in perfetta antitesi rispetto a ciò di cui il nostro Paese ha bisogno, vanifica i tanti sacrifici fatti dalle lavoratrici e dai lavoratori del settore nell’ultimo decennio ed il dialogo aperto con le OO.SS. che aveva consentito la gestione di migliaia di esuberi. ABI prende le distanze da tutto questo e si rinchiude in un atteggiamento corporativo, lontanissimo da quegli interventi che sarebbero stati indispensabili per rilanciare le imprese, dare fiato alle famiglie in difficoltà e risposte alla crescente e drammatica disoccupazione che sta paralizzando il nostro Paese.

ABI schiaffeggia un’intera categoria di lavoratori, con grandi professionalità e competenze che dovrebbero rappresentare il suo più grande patrimonio. Ma, evidentemente, sono ben altri i patrimoni a cui mirano i banchieri…

Di fronte a tutto questo, UNISIN sosterrà con grande forza lo SCIOPERO NAZIONALE DELLA CATEGORIA previsto per il 31 OTTOBRE e tutte le iniziative di lotta che saranno messe in campo unitariamente da tutte le OO.SS. del settore.

Continuiamo, altresì, a proporre alle altre OO.SS. il BLOCCO DELLE RELAZIONI INDUSTRIALI a tutti i livelli perché, lo ribadiamo, non vediamo come sia possibile continuare a dialogare con chi ha deciso di disfarsi del Contratto Nazionale, spedendo al macero i diritti dei lavoratori.
Vi terremo informati sulle ulteriori iniziative e assemblee che saranno effettuate sul territorio nazionale.