Congedo parentale ad ore

CongediCongedo parentale ad ore – modalità applicative dal 1 febbraio 2016

A decorrere dal 1° febbraio 2016 entrano in vigore le modalità per la fruizione del congedo parentale ad ore, omogenee per tutte le banche, fissate dall’accordo tra Abi e OO.SS. del 15 dicembre 2015.
Si concretizza così, come da impegni presi in sede di rinnovo del CCNL 31 marzo 2015, la possibilità per le lavoratrici e i lavoratori di poter fruire con maggiore elasticità delle previsioni legislative sui congedi parentali ad ore (Legge 24 dicembre 2012 n. 228; D. Lgs. 15 giugno 2015 n. 80; D. Lgs. 14 settembre 2015 n. 148).

L’Accordo prevede la fruizione del congedo sia da parte del personale a tempo pieno che da quello a tempo parziale “per periodi minimi di un’ora giornaliera la cui somma nell’arco di ciascun mese di utilizzo corrisponda comunque a giornate intere”.
Le lavoratrici e i lavoratori che intenderanno fruire di tali permessi, dovranno presentare, con un preavviso non inferiore a 5 giorni lavorativi “una domanda in forma scritta unitamente alla documentazione inoltrata aIl’INPS, indicando la durata del periodo richiesto, il numero di giornate equivalenti alle ore richieste, le giornate e la collocazione nella giornata”.
Qualora esistesse un’oggettiva impossibilità “a rispettare il predetto termine di preavviso, troverà comunque applicazione quanto previsto dall’art. 32, comma 3, secondo periodo, del D. Lgs. n. 151 del 2001” che indica un preavviso minimo di 2 giorni.
La documentazione da produrre all’INPS è quella prevista nella circolare n. 152 del 18 agosto 2015 (consultabile sul sito www.inps.it).
Va ricordato che, oltre che nei casi stabiliti dalla legge, è esclusa “la cumulabilità nella medesima giornata della fruizione oraria del congedo parentale con permessi o riposi previsti dalla contrattazione collettiva” come, a titolo esemplificativo, permessi per banca delle ore e/o festività soppresse.
L’Accordo intercorso tra Abi e OO.SS. ha stabilito, inoltre, che “la paga oraria e giornaliera è calcolata secondo i comuni criteri utilizzati nel settore. Il monte ore corrispondente alla giornata lavorativa intera è confermato in 7 ore e 30 minuti (8 ore nel caso di contratti complementari)”.