Comunicato alle lavoratrici e ai lavoratori – settore riscossione

Volantino_risc2

Le scriventi Segreterie stigmatizzano quanto dichiarato da Dirpubblica circa la presentazione di un ricorso al TAR del Lazio riguardante il passaggio dei Lavoratori di Equitalia ad Agenzia delle Entrate – Riscossione (Ente Pubblico Economico).
Ricordiamo a tutti che il passaggio è garantito dalla Legge 225/16 del dicembre 2016 ex DL 193/16 e sarebbe il caso di pronunciare la fatidica frase “alea iacta est”.
Ricordiamo anche che la Corte Costituzionale dovrebbe dichiarare l’incostituzionalità della Legge 225/16 per suffragare la pretestuosa tesi di Dirpubblica, Federazione che si è assunta un primato fuori da ogni deontologia sindacale cercando di pregiudicare la tranquillità occupazionale di Lavoratori anche se di altro settore.

Per SNALEC, UGL ed UNISIN non saranno certo le estemporanee iniziative di Dirpubblica a mettere in discussione il posto di lavoro di 8000 colleghi!
Le nostre OO.SS. monitoreranno da vicino quanto si sta muovendo e terranno informati i colleghi interessati senza inutili ed esasperati allarmismi, consapevoli che antichi rancori verso i Lavoratori Esattoriali ed ataviche lotte alla categoria non ci distoglieranno affatto dal portare a termine le aspettative dei colleghi e gli impegni che abbiamo assunto.

Pertanto, siamo sì intenzionati ad investire e, qualora ce ne fosse bisogno, anche a chiedere a tutti i Lavoratori la partecipazione economica per intraprendere azioni giudiziali, ma solo quando la Legge 225/2016, cosi come enunciato, non darà a fine giugno la giusta destinazione alle risorse del Fondo Esattoriale, ma non certo intenzionati a chiedere ai Colleghi l’adesione allo sciopero proclamato per il giorno venerdì 26 maggio, per motivi che oggi assume un connotato di tipo balneare.

Rivendicheremo ad ogni livello le nostre contribuzioni al Fondo, risorse che nei decenni hanno alimentato le casse dell’INPS e offerto alle aziende la possibilità di accingere per finanziare la Formazione al personale, confrontandoci con le Istituzioni preposte.

Il percorso è già intrapreso, infatti come avvenuto già il 15 di maggio in Commissione Bilancio, dove ricevuti dal Vice Presidente, abbiamo illustrato e consegnato la nostra ipotesi sulla rivisitazione della legge e riportato altresì all’attenzione la questione di Riscossione Sicilia S.p.A. esclusa al momento dal provvedimento legislativo.

Roma, 23 maggio 2017                                      Le Segreterie Nazionali

scarica il pdf