In Intesa San Paolo un voto contro i lavoratori

Assemblea Intesa San Paolo

SLAVAZZA: “IN INTESA SAN PAOLO UN VOTO CONTRO I LAVORATORI”

“Siamo sorpresi e rammaricati per un voto che va contro l’operato di centomila dipendenti e contrasta con le parole di sincero ringraziamento espresse dall’amministratore delegato Carlo Messina”.

Gabriele Slavazza, segretario Responsabile di Unisin in Intesa Sanpaolo nonché vice segretario generale Unisin, commenta così quanto accaduto nel pomeriggio di venerdì durante l’assemblea dei soci che ha approvato il bilancio di Intesa San Paolo.
“Per ogni singola votazione, dall’aumento di capitale al riconoscimento dei premi per il management – spiega Slavazza – la maggioranza si è sempre espressa con percentuali che superavano il 99%. Soltanto al momento dei due voti relativi all’acquisto da parte di Intesa San Paolo di azioni proprie da destinare ai dipendenti in qualità di premi per gli anni del nuovo piano industriale 2018-2021, oltre il 16% degli azionisti di riferimento ha dato parere negativo”.
“Il piano è passato comunque con una maggioranza di quasi l’85% – prosegue il vice segretario generale Unisin – ma si tratta in ogni caso di un fatto che ci rammarica e ci sorprende. Innanzitutto perché contrasta con le dichiarazioni di grande apprezzamento dell’operato dei lavoratori espresse poco prima dall’amministratore delegato Messina, e poi perché riguarda la vita di quei centomila dipendenti con mansioni e retribuzioni più basse che in questi ultimi quattro anni hanno permesso ad Intesa San Paolo di raggiungere risultati straordinari e distribuire oltre dieci miliardi di dividendi”.

scarica il pdf