CREDIT AGRICOLE CONTINUI A PUNTARE ED INVESTIRE SUL MERCATO ITALIANO

Credit Agricole: Agire attivamente per aumentare i ricavi e non passivamente sul taglio dei costi”, questa è per Emilio Contrasto, Segretario Generale di UNISIN/CONFSAL – Unità Sindacale Falcri / Silcea / Sinfub – la ricetta giusta per rilanciare e consolidare le banche in Italia.

Lo dichiara a margine della presentazione del piano industriale di Credit Agricole, “in cui si intravede la volontà di migliorare la redditività del Gruppo puntando sulla crescita dei volumi, dei ricavi e degli investimenti e non rifugiandosi nella oramai desueta e non più praticabile aggressione ai costi del personale”.
Presenza sui territori, supporto a imprese e famiglie, investimenti sul Personale e sulla formazione sono infatti, per il CEO di Crèdit Agricole Italia, Giampiero Maioli, le chiavi strategiche sulle quali consolidare le performance di uno dei principali Gruppi bancari in Europa e in Italia.
Secondo Contrasto, “Credit Agricole, che da anni opera nel mercato italiano del credito – e non solo – in maniera proficua, in questo preciso momento storico può e deve rafforzare gli investimenti strategici in Italia, suo secondo mercato, anche a conferma degli importanti rapporti tra i nostri Paesi”. “Anche attraverso le sue partnership, come FCA bank, e le sue controllate come Amundi – continua il Segretario Generale di UNISIN – Credit Agricole è infatti un player fondamentale nel settore del credito nel nostro Paese”.
“Auspichiamo – conclude Contrasto – che con questo nuovo piano industriale sia ulteriormente rafforzata la spinta ad investire nell’economia reale, a sostegno di realtà territoriali importanti e di un tessuto imprenditoriale sano, oltre che delle famiglie”.

scarica il pdf