Lettera Abi di risposta alla nota sindacale su alcuni mancati incrementi retributivi

Abi

In merito alla nota inoltrata dalle organizzazioni sindacali per segnalare che in alcune aziende e gruppi bancari non sono stati riconosciuti gli incrementi retributivi ed i relativi arretrati di cui all’accordo di rinnovo del CCNL del 19 dicembre 2019 ai destinatari dell’ex “livello retributivo di inserimento professionale”, l’Abi ha risposto favorevolmente con la seguente nota:

Facciamo riferimento alla Vostra lettera del 30 marzo u.s. con la quale segnalate di aver riscontrato “che in alcune Aziende e Gruppi Bancari non sono stati riconosciuti gli incrementi retributivi ed i relativi arretrati di cui all’accordo di rinnovo del ccnl del 19 dicembre 2019 ai destinatari dell’ex livello retributivo di inserimento professionale”.
Al riguardo, segnaliamo anzitutto che ABI ha tempestivamente informato gli Associati, con circolare del 6 marzo 2020, della Vostra comunicazione del giorno precedente (5 marzo) relativa allo scioglimento in senso positivo della riserva da Voi a suo tempo posta sui contenuti dell’Accordo di rinnovo, riportando la tabella relativa agli aumenti mensili decorrenti dal 1° gennaio 2020 e specificando agli Associati che “può procedersi all’erogazione” degli stessi.
Le lavoratrici/lavoratori appartenenti al precedente “livello retributivo di inserimento professionale” sono conseguentemente destinatari degli incrementi retributivi dal 1° gennaio 2020 secondo gli importi previsti dal richiamato art. 35 per i lavoratori inquadrati nella 3ª Area professionale, 1° Livello retributivo.
Vi rappresentiamo che ricorderemo tale profilo agli Associati, anche per la verifica di eventuali applicazioni incomplete che dovessero essere derivate dal limitato tempo disponibile per l’aggiornamento delle procedure intercorrente tra lo scioglimento della riserva e la chiusura delle retribuzioni di marzo, che potranno trovare sistemazione nel mese di aprile.

Cordiali saluti.

Salvatore Poloni
Presidente del Comitato per gli affari sindacali e del lavoro

scarica il pdf